Saggistica

Ecomafia 2014

Le storie e i numeri della criminalità ambientale

condividi:
in collaborazione con:
uscita: giugno 2014
numero pagine: 384
ISBN: 9788866271321
formato: 15 x 23
stato: disponibile
25,00 euro
contenuti
La scena del crimine, l’Italia. La posta in gioco, i beni comuni. Le vittime, tutti noi. La lotta tra guardie e ladri, sempre più sofisticata. E se cambiano i numeri e la geografia dei reati ambientali, la sostanza è la stessa: nel 2013, tra rifiuti, cemento, traffici di animali, cibo e beni culturali sono entrati nelle casse degli ecocriminali almeno 15 miliardi. Quanto basta per mettere in ginocchio pezzi di economia sana, sfregiare e avvelenare interi territori. La corruzione è la grande protagonista delle pagine del rapporto Ecomafia 2014, micidiale passepartout per piegare gli interessi collettivi a bieche logiche private, mentre l’azione dell’ecomafia si fa ancora più globale e avvolgente. Servono risposte chiare, soprattutto da parte della politica, perché c’è un’Italia onesta che lotta, cambia passo e dà del filo da torcere agli inquinatori di professione. È l’altra faccia di Ecomafia 2014, la speranza di poter presto raccontare una storia completamente diversa.
sommario

Presentazione

di Vittorio Cogliati Dezza

Premessa

L’illegalità ambientale

L’ecomafia spa

1. L’area grigia

2. L’assalto alla green economy

3. La rifiuti Spa

4. Le mafie fanno shopping

5. L’analisi della direzione investigativa antimafia

6. Contributo dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli direzione centrale antifrode e controlli – ufficio intelligence

7. Ladri di futuro

Il ciclo dei rifiuti

1. La terra dei fuochi

2. Le regioni: le storie e i numeri

Il ciclo del cemento

1. L’analisi del cresme

2. Abbatti l’abuso

3. Le regioni: le storie e i numeri

Legambiente nei processi “in nome del popolo inquinato”

L’agromafia

L’archeomafia

Il racket degli animali

I clan

Fonti

Ringraziamenti 

sfoglia alcune pagine

Seguici su:
FaceBook Twitter Youtube Googleplus