Saggistica

Rapporto Ecomafia 2007

I numeri e le storie della criminalità ambientale

condividi:
in collaborazione con:
uscita: aprile 2007
numero pagine: 400
ISBN: 9788889014455
formato: 15 x 23 cm
stato: disponibile
20,00 euro
contenuti
Il termine “ecomafia”, coniato da Legambiente ed entrato ormai nel linguaggio comune (oltre che nel vocabolario Zingarelli), indica quei settori della criminalità organizzata che hanno scelto come settore di attività il nuovo grande business dell’illegalità ambientale. Dal 1997 il fenomeno viene documentato in modo dettagliato e sistematico nell’annuale “Rapporto Ecomafia” un’opera collettiva, coordinata dall’Osservatorio Ambiente e Legalità di Legambiente e realizzata in collaborazione con tutte le forze dell’ordine (Arma dei Carabinieri, Corpo Forestale dello Stato e delle Regioni a statuto speciale, Capitanerie di porto, Guardia di Finanza, Polizia di Stato, Direzione investigativa antimafia), l’istituto di ricerche Cresme (per quanto riguarda il capitolo relativo all’abusivismo edilizio), magistrati impegnati nella lotta alla criminalità ambientale e avvocati dei Centri di azione giuridica di Legambiente.

 

Ogni anno nel rapporto si restituisce il quadro di fenomeni consolidati come i traffici illegali di rifiuti, l’abusivismo edilizio, i combattimenti clandestini tra cani, il saccheggio dei beni archeologici, il commercio illegale di specie protette e di legname pregiato. Di questa economia parallela e fuori dalla legalità che va a ledere i diritti e le risorse della collettività si traccia il bilancio e l’organigramma, elencando i clan mafiosi coinvolti. Un’economia che si muove agevolmente anche a livello internazionale, ben inserita in una vera “globalizzazione illegale”. Ma oltre alle cifre e ai nomi, il Rapporto contiene moltissime storie, sconvolgenti, di una criminalità che è ormai parte del quotidiano, nascosta tra le pieghe di attività economiche dall’apparenza “normale”. Storie che meritano di essere raccontate e conosciute, anche per capire come il fenomeno continui ad assumere volti diversi e ad aprire nuove attività.

 

Il Rapporto Ecomafia 2007 è un lavoro di ricerca e analisi che per i propri contenuti si fa leggere come un romanzo. Uno strumento indispensabile per chi vuole conoscere i fenomeni d’illegalità ambientale in Italia e i mercati globali dell’ecocriminalità. Ma anche un atto di denuncia contro l’indifferenza e l’inerzia di molti.

sommario

Premessa di Pietro Grasso
Introduzione di Roberto Della Seta
Presentazione di Enrico Fontana

1. L ’illegalità ambientale in italia
2. Il nuovo abusivismo edilizio
3. Il “sistema illegale” nella gestione dei rifiuti
4. La “rifiuti spa”
5. Il business dell’ecomafia: mercato illegale
e investimenti a rischio
6. I clan dell’ecomafia
7. I mercati globali dell’ecomafia
8. Il ciclo del cemento
9. Il ciclo dei rifiuti
10. Il “racket degli animali”
11. Archeomafia: l’aggressione criminale al patrimonio
artistico archeologico
12. L ’assalto ai fiumi
13. L ’italia in fumo
14. Ecomafie al contrario
15. La voce dei magistrati
Pino Bianco, Donato Ceglie, Maurizio de Lucia, Gery Ferrara
16. Gli osservatori ambiente e legalità di legambiente
17. Le attività dei centri di azione giuridica di legambiente

Bibliografia
Ringraziamenti

  • "Entro l'anno una legge contro i reati ecologici"

    Il Sole 24 Ore, 18 aprile 2007, Michele Menichella

    Scarica il file (.pdf, 108 KB)

  • "Adesso la mafia uccide l'ambiente e si nutre di rifiuti"

    Corriere Nazionale, 18 aprile 2007,

    Scarica il file (.pdf, 443 KB)

  • "Legambiente, Il Rapporto Ecomafia 2007"

    www.raiutile.rai.it, 24 aprile 2007,

    Scarica il file (.pdf, 121 KB)

sugli stessi temi

Ecomafia 2011
Ecomafia 2010
Ecomafia 2009
Rapporto Ecomafia 2008
Animali, non bestie
Seguici su:
FaceBook Twitter Youtube Googleplus