Saggistica

State of the World 2005

Sicurezza globale

condividi:
in collaborazione con:
uscita:
numero pagine: 304
ISBN: 8889014288
formato: 15 x 23 cm
stato: disponibile
20,00 euro
contenuti

Le analisi dei ricercatori del Worldwatch si articolano quest’anno attorno al tema della sicurezza, che si è imposto come principale problema nell’agenda mondiale.

Emerge un allarmante cambio di rotta nei significati, dove il concetto stesso di “sicurezza” appare omologato all’interno del concetto di “guerra al terrorismo”, mentre appare evidente che proprio questa è tra le cause scatenanti della crescente instabilità globale. Il pericolo, evidenziato da Michael Renner nel capitolo iniziale del rapporto, è che a gestire i problemi della sicurezza siano chiamate sempre di più strutture, come quelle militari, che hanno modalità del tutto inadeguate a risolvere, in particolare, le cause di un problema che ha molteplici volti.

La situazione è efficacemente sintetizzata da Mikhail Gorbachev nella sua prefazione: “Cinque anni fa tutti i 191 Stati membri delle Nazioni Unite si impegnarono a raggiungere entro il 2015 gli otto Obiettivi di Sviluppo del Millennio, tra cui eliminare povertà e fame estreme e garantire la sostenibilità ambientale”. Alla fine del 2004, però, ci si è dovuti rassegnare ad ammettere che “a livello mondiale i progressi socioeconomici, la sicurezza e la sostenibilità non rispecchiano la realtà oggettiva di molte regioni del pianeta”.

Il dato che emerge dall’analisi di queste tematiche è soprattutto la necessità imprescindibile del coinvolgimento della società civile nella realizzazione di un’idea condivisa di sicurezza.

Per riprendere le parole di Gorbachev, “Serve una glasnost globale &endash; apertura, trasparenza e dialogo pubblico &endash; grazie alla quale nazioni, governi e cittadini possano oggi costruire il consenso sulle scommesse da affrontare”.

Il Worldwatch Institute è considerato il più autorevole osservatorio sui trend ambientali del pianeta. I suoi trent’anni di lavoro hanno segnato una svolta nell’analisi e nella comunicazione ambientale globale.

Erik Assadourian, Lori Brown, Alexander Carius, Richard Cincotta, Ken Conca, Geoffrey Dabelko, Christopher Flavin, Hilary French, Gary Gardner, Brian Halweil, Annika Kramer, Lisa Mastny, Danielle Nierenberg, Dennis Pirages, Thomas Prugh, Michel Renner, Janet Savin, Linda Starke, Aaron Wolf

l'autore

State of the World 2005 ricompone il significato del termine “sicurezza”, evidenziando i grandi fenomeni che sono alla base dell’instabilità globale: dalla diffusione incontrollata delle armi leggere alla dipendenza dell’economia dal petrolio, dalle dinamiche demografiche alle risorgenti malattie infettive fino ai contrasti sulle risorse, dal cibo all’acqua.

sommario

Sicurezza e sostenibilità, Gianfranco Bologna
Prefazione, Mikhail S. Gorbachev
Introduzione, Christopher Flavin
State of the World: un anno in rassegna, Lori Brown

Michael Renner
1. Ridefinire il concetto di sicurezza
Le radici dell’insicurezza
Cattivi vicini e vulnerabilità condivise
Controllare le armi, disinnescare i conflitti
L’impatto della guerra sul terrorismo
Principi per un mondo più sicuro
DIETRO LE QUINTE Il crimine transnazionale

Lisa Mastny e Richard P. Cincotta
2. La relazione tra popolazione e sicurezza
Scontro di età
Cresce la minaccia dell’AIDS
La rapida crescita urbana
La competizione per l’acqua e i terreni coltivabili
Limitazione dei rischi e progresso
DIETRO LE QUINTE I rifugiati ambientali

Dennis Pirages
3. Arginare le malattie infettive
Le dinamiche delle epidemie
Lo stato della “microsicurezza”
Le conseguenze economiche delle malattie infettive
Gestire le future epidemie
DIETRO LE QUINTE Bioinvasioni

Danielle Nierenberg e Brian Halweil
4. Coltivare la sicurezza alimentare
Biodiversità agricola a rischio
Paure alimentari
Cambiamenti climatici
Nuovi approcci per nuove minacce
DIETRO LE QUINTE Veleni chimici

Aaron T. Wolf, Annika Kramer, Alexander Carius, Geoffrey D. Dabelko
5. La gestione dei conflitti per l’acqua
Questioni chiave
Bacini internazionali
Conflitti nazionali
Impatti locali
Capacità istituzionale: il fulcro del problema
Verso una gestione cooperativa dell’acqua
DIETRO LE QUINTE Ricchezza di risorse e conflitti
DIETRO LE QUINTE Le responsabilità del settore privato

Tom Prugh, Christopher Flavin, Janet L. Sawin
6. Trasformare l’economia del petrolio
Un bene strategico
Il petrolio e la sicurezza dell’economia globale
Il petrolio e la sicurezza civile
Il petrolio e la sicurezza climatica
Il mondo a un bivio
DIETRO LE QUINTE L’energia nucleare

Michael Renner
7. Disarmare le società dei dopoguerra
Un “far west” globale
Vendere, saccheggiare e contrabbandare
Una risposta finora inadeguata
Dalla vita di combattente alla vita civile
DIETRO LE QUINTE Le armi chimiche
DIETRO LE QUINTE La proliferazione del nucleare

Ken Conca, Alexander Carius, Geoffrey D. Dabelko
8. Custodire insieme l’ambiente, costruire insieme la pace
Ambiente e conflitto
Perché l’ambiente?
La cooperazione ambientale come strumento di pace
Altre sfide
Dare concretezza al peacemaking ambientale
DIETRO LE QUINTE Gli impatti della guerra sull’ambiente

Hilary French, Gary Gardner, Erik Assadourian
9. Costruire le fondamenta della pace
Reinventare una governance globale
Ridefinire le priorità
Coinvolgere la società civile

  • "Documentario"

    Unesco - Commissione nazionale italiana, 20 novembre 2007, Sergio Ferraris

    Scarica il file (.pdf, 81 KB)

sugli stessi temi

State of the World 2009
Seguici su:
FaceBook Twitter Youtube Googleplus