Saggistica

Ambiente Italia 2006

Dopo Berlusconi
L'ambiente in 100 numeri

condividi:
in collaborazione con:
uscita:
numero pagine: 256
ISBN: 888901430X
formato: 15 x 23 cm
stato: disponibile
16,00 euro
contenuti

Esce malconcio l’ambiente Italia da cinque anni di “cura Berlusconi”. Per le scelte fatte: il condono edilizio, la messa in vendita dei beni storici e ambientali, la legge delega che ha cancellato leggi preziose come quelle sui rifiuti e sulle acque. Forse ancora di più per le scelte non fatte: nulla per rendere più moderni e meno inquinanti i trasporti e i sistemi energetici, nulla per promuovere quella “soft economy” che è la via maestra di uno sviluppo sostenibile.

Per sintetizzare questa fase di stallo e di involuzione bastano pochi numeri tra le centinaia che compaiono nel set di indicatori statistici di Ambiente Italia 2006, il Rapporto di Legambiente curato dall’Istituto Ambiente Italia. Eccone tre molto eloquenti: l’Italia presenta un rapporto tra consumi energetici e Pil, misura dell’efficienza energetica, superiore alla media europea; siamo sopra del 20% rispetto ai nostri obiettivi di riduzione dei gas serra scritti nel Protocollo di Kyoto; dopo una fase di stasi l’abusivismo edilizio ha ripreso a galoppare, spinto dalla sanatoria generalizzata di tre anni fa.

Ambiente Italia 2006 non si limita a tracciare un bilancio approfondito, prova anche a guardare al futuro. Consegna idealmente al nuovo Governo un “promemoria” di scelte concrete e subito “cantierabili” con cui combattere il declino nel segno dell’ambiente.

Completa il Rapporto un “inedito” di grande interesse: la traduzione italiana del discorso pronunciato da Bill Clinton alla Conferenza mondiale sul clima di Montreal. Anche Clinton dice che le energie pulite – il solare, l’eolico – non sono soluzioni “di nicchia” ma il futuro dell’energia, la via maestra per scongiurare cambiamenti climatici catastrofici e opportunità di sviluppo, innovazione, lavoro. Sarebbe già molto che Romano Prodi, il suo Governo, la sua maggioranza trasformassero per l’Italia queste parole in fatti.

l'autore

Legambiente è l’associazione ambientalista più diffusa in Italia, con oltre 1000 gruppi locali, 20 comitati regionali e circa 11.5000 tra soci e sostenitori. Tra le iniziative più importanti e popolari di Legambiente, le grandi campagne di analisi e informazione sull’inquinamento (Goletta Verde, Treno Verde, Fiuminforma, Salvalarte, Mal’Aria, Cambio di Clima); le attività di volontariato e turismo ambientale (Operazione Spiagge Pulite, Puliamo il Mondo/Clean-up the World, Festa dell’Albero, Cento Strade per Giocare, Nontiscordardimé-Operazione Scuole Pulite, campi estivi); le iniziative di riconversione ecologica dell’economia e radicale trasformazione dei sistemi di produzione-consumo di energia nel segno delle nuove fonti rinnovabili; le battaglie contro l’ambiente illegale e le ecomafie; l’impegno per una piena valorizzazione delle aree protette e delle economie territoriali; le attività di educazione ambientale e di formazione; la campagna più recente, “Piccola Grande Italia”, per rilanciare nel futuro i piccoli comuni con i loro tesori di natura, cultura, produzioni di qualità. Legambiente invia in abbonamento ai soci il mensile La Nuova Ecologia.

sommario

Indice

Prefazione Roberto Della Seta
Dieci proposte al nuovo Governo
Conferenza sul clima di Montreal: l'intervento di Bill Clinton
Farfalle cinesi e frane italiane: l’incerto futuro della politica ambientale Duccio Bianchi

Parte prima. Proposte per l’Italia
Stefano Ciafani
Le bonifiche dei siti inquinati, da chimera a realtà
Enrico Fontana
Ambiente e legalità: una sfida da vincere
Fabio Renzi
Piccoli comuni: cinque strategie per rafforzare l’Italia di qualità
Gianni Silvestrini
Una strategia contro l’effetto serra
Alex Sorokin
Rilanciare le nuove fonti energetiche rinnovabili
Sebastiano Venneri
Rafforzare il patrimonio naturalistico italiano
Mario Zambrini
Il road pricing e la mobilità urbana
Giorgio Zampetti
Una politica contro il dissesto idrogeologico
Edoardo Zanchini
Cinque corridoi per il trasporto merci ferroviario

Parte seconda. Lo stato dell’ambiente in italia: i 100 indicatori
L’ambiente in 100 numeri
I 40 indicatori più significativi

la dimensione socio-economica
1 Indice di benessere umano (HDI)
2 Diseguaglianze di genere
3 Crescita economica
4 Attesa di vita
5 Povertà nel mondo
6 Denutrizione
7 Crescita demografica
8 Spesa militare e rifugiati
9 Presenza straniera in Italia e nei paesi sviluppati
10 Investimenti esteri

l’industria, il turismo, i servizi
11 Innovazione tecnologica
12 Ricerca e sviluppo
13 Emissioni dell’industria chimica
14 Certificazioni ISO 14001 e registrazioni EMAS
15 Agriturismo in Italia

l’energia
16 Consumi energetici globali
17 Bilancio energetico nazionale
18 Produzione di energia da fonti rinnovabili in Italia
19 Eolico
20 Solare

il clima e l’aria
21 Emissioni di CO2: totali e proiezioni
22 Inventario nazionale delle emissioni di gas serra
23 Emissioni atmosferiche in Italia

la mobilità
24 Tasso di motorizzazione privata
25 Mobilità delle merci
26 Mobilità delle persone
27 Incidenti stradali
28 Mobilità ciclabile

l’agricoltura
29 Agricoltura biologica in Italia
30 Agricoltura biologica nel mondo

il patrimonio naturale
31 Aree protette in Italia
32 Erosione costiera

le risorse idriche
33 Depurazione urbana
34 Qualità delle acque superficiali

l’ambiente urbano
35 Inquinamento atmosferico nelle città: biossido di azoto
36 Inquinamento atmosferico nelle città: benzene e PM10
37 Inquinamento acustico
38 Raccolta differenziata

le politiche ambientali
39 Sussidi all’agricoltura
40 Tasse ambientali

sugli stessi temi

Ambiente Italia 2007
Ambiente Italia 2007
Seguici su:
FaceBook Twitter Youtube Googleplus